CONDIVIDI

Un’antica chiesa prima abbandonata, poi divenuta cimitero. Ora è nascosta e invisibile, sotto gli occhi di tutti

San Nicola Vecchio, Massama

Migliaia di automobili le passano accanto ogni giorno senza vederla. Anche dall’alto è praticamente invisibile, del tutto nascosta dalla vegetazione. E’ il rudere della Chiesa di San Nicola Vecchio, a Massama, Oristano. Normalmente evitiamo di inserire tra i luoghi abbandonati le chiese rurali, perché ce ne sono talmente tante che meriterebbero uno studio a parte. Ma per questa facciamo eccezione per due motivi: la sua storia e il luogo in cui si trova.

Partiamo dalla prima: in questa piccola chiesa – forse di epoca medioevale e probabilmente tardo romanica, ma non disponiamo di studi ufficiali – si celebrava la festa di San Nicola fino all’anno 1868, quando la statua del santo venne spostata e nella chiesa si iniziò a seppellirvi i morti. In sostanza divenne un cimitero. Questo fino al 1928, quando venne inaugurato quello che è l’attuale cimitero di Massama. Nel corso degli anni i morti vennero quindi spostati nell’ossario del nuovo cimitero, ma gli anziani del paese ricordano che ancora negli anni 40 nella vecchia chiesa ormai abbandonata affioravano ossa e cumuli di teschi. Da qui in poi l’oblio, e qui veniamo al secondo motivo per cui riteniamo questo luogo interessante: la sua posizione. Si trova in una piccola zona marginale, uno spazio di nessuno, tra la trafficatissima strada 292 e alcune case private del paese, praticamente invisibile, nascosta da alberi, un muro di canne, fichi d’India e un groviglio inestricabile di rovi. In quella che era la navata della piccola chiesa ora cresce un boschetto. Non siamo in una zona isolata e lontana dalla civiltà, ma anzi al suo centro. E, un po’ come nell’occhio del ciclone regna la calma, all’interno di questo piccolo microcosmo dimenticato sembra di essere altrove. Una Sardegna piccola, invisibile e dimenticata, forse troppo vicina ai nostri occhi per essere vista.

DOVE SI TROVA: a Massama, provincia di Oristano. Da non confondere con la Chiesa di San Nicola – Oratorio delle Anime. Si può osservare dalla 292, in corrispondenza del distributore di benzina, oppure dal paese, da un campo in via Ogliastra. Muoversi all’interno è abbastanza difficile per via della vegetazione. Google Maps.

(grazie a viamaxima per la preziosa collaborazione)

Foto

CONDIVIDI