CONDIVIDI

Un testimone silenzioso di quasi un secolo di storia del Coghinas

La casa del capo centrale della diga del Coghinas
La casa del capo centrale, diga del Coghinas
VAI ALLA GALLERY

Nel solitario e selvaggio scenario della stretta del Muzzone, alle pendici del massiccio del monte Limbara, si erge la diga e centrale idroelettrica del Coghinas, che con i suoi 185 metri di larghezza e 54 di altezza rappresenta una delle più audaci opere di ingegneria della Sardegna del primo ‘900. Costruita tra il 1924 e il 1926 per conto della Società Imprese Idrauliche ed Elettriche del Tirso, sotto la direzione degli ingegneri Angelo Omodeo e Luigi Kambo, venne inaugurata ufficialmente un anno più tardi, nel 1927. L’imponente sbarramento, che dà origine al lago Coghinas, è realizzato in calcestruzzo, pietra e muratura.

L’impianto idroelettrico era formato inizialmente da quattro turbine sotterranee “in caverna”, situate a valle della diga a quaranta metri sotto il letto del fiume. Nei primi anni di attività l’energia elettrica e l’ammoniaca prodotte venivano in parte impiegate per l’alimentazione delle fabbriche della Sarda Ammonia di Oschiri.

Quasi novant’anni dopo, il panorama è notevomente cambiato: i sogni e le speranze dell’epoca si sono dovuti confrontare con la crisi dell’industria sarda. La centrale idroelettrica è ancora attiva ma ha perso parte del suo antico prestigio, la Sarda Ammonia ha chiuso i battenti ormai da diversi decenni e anche il vicino villaggio Enel è stato abbandonato.

Un silenzioso testimone di questi cambiamenti è la villa che ospitava il direttore dell’impianto, costruita in contemporanea con la diga e oggi abbandonata, dopo essere stata usata probabilmente come magazzino. La casa, in stile Liberty tipico dell’epoca, si erge sulla sponda orientale della gola e domina dall’alto la centrale e la parte finale dell’invaso, quasi a contemplarli ancora oggi orgogliosamente. Strutturata su tre piani, l’interno è pericolante e i piani superiori sono difficilmente accessibili. Ben poco è rimasto al suo interno, anche se si possono ancora osservare alcune particolari decorazioni che ci riportano idealmente all’epoca della costruzione. Al di sotto del livello stradale vi è un ulteriore sottopiano, adibito a deposito di macchinari, due dei quali sono oggi visibili.

Ma la casa del capo centrale non è il solo testimone della storia industriale del Coghinas. A pochi passi dalla casa del capocentrale, anche se invisibile, c’è il villino che ospitò la famiglia del direttore della Sarda Ammonia.

Foto

DOVE SI TROVA: subito dopo la centrale Enel del Coghinas. L’edificio è pericolante e l’accesso è vietato. Google Maps.