CONDIVIDI

L’ex vetreria Sardinia Crystal: era un’eccellenza mondiale, oggi è abbandonata e in frantumi

Attraversiamo la zona industriale San Marco di Alghero dove, nel rispetto dell’identità e della tradizione sarda, tutto sembra deserto o abbandonato. E la Sardinia Crystal, società commerciale della Sarda Cristalli, non fa eccezione.

Avviato nel 1989 nel polo chimico di Porto Torres e poi trasferito lungo la Strada dei Due Mari, il lavoro dei mastri vetrai era apprezzato in tutto il mondo, tanto che sino all’80% della produzione veniva esportata. Pezzi unici firmati, astratti o ispirati al territorio, spesso personalizzati con una produzione orientata al cliente e tuttora in vendita a cifre significative nel grande mercato virtuale. Una delle sole quattro aziende italiane a realizzare cristalli artistici col sistema a “mano volante”, apprezzata al punto da diventare un’attrazione turistica con tanto di esposizione e bambini in visita alla fornace.

Ma alla fine degli anni Novanta la crisi dei beni voluttuari ha colpito duramente nei Paesi arabi, Canada, USA e Giappone. Quella che era uno dei tanti esempi dello straordinario fiuto per gli affari della Regione Sardegna, nata ad opera dell’Ente Minerario Sardo (EMSA), venne privatizzata nel 2001, sopravvisse ancora fra scioperi, proteste e serrate, venendo discriminata persino dal resto dell’artigianato sardo, e dichiarò fallimento nel 2004.

Oggi si cammina sui cristalli infranti, sui cocci e sugli scarti e, ironia della sorte, ogni singolo vetro è in frantumi. Il fuoco che aveva creato questi capolavori, lo ha distrutto con decine di roghi appiccati in ogni angolo dello stabilimento per sciogliere e recuperare il metallo. Archivi e documenti sono sparsi ovunque, rifiuti di ogni genere arrivati da chissà dove stanno alimentando un vortice di denunce e cause giudiziarie. Questa piccola “Swarovski Made in Italy” o “Murano sarda” ha chiuso per sempre e con lei è stata la fine del polo siliceo della Nurra.

DOVE SI TROVA: ad Alghero, nella zona industriale San Marco. Google Maps

Foto

CONDIVIDI