CONDIVIDI

Un tesoro nascosto nelle campagne di Ozieri, un’antica e misteriosa dimora di campagna

Villa Pietri, Ozieri
Villa Pietri, Ozieri

La villa Pietri è stata costruita verso la metà degli anni ’20 dalla famiglia Pietri, una casata nobiliare ozierese, alcuni dei cui membri erano medici, politici e avvocati. La direzione dei lavori fu coordinata dall’ingegner Garau-Perpignano.

Un ceppo commemorativo – situato sul perimetro ovest della tenuta, sul piazzale antistante la chiesetta campestre di Santo Stefano, anch’essa abbandonata e in attesa di un piano di recupero – ricorda un componente della famiglia, l’avvocato Stefano Pietri Carossini, realizzato nel 1934, nel decennale della sua scomparsa.

Una delle tante leggende che riguardano villa Pietri è quella che la identifica erroneamente come sede amministrativa della miniera di Su Elzu (o Suelzu), distante poche centinaia di metri. In realtà l’edificio è stato utilizzato solo per funzioni abitative, quindi abbandonato a un lento oblio fino ad arrivare ai giorni nostri, nascosto parzialmente dalla vegetazione.

Abbandonata da oltre 50 anni, la villa Pietri mantiene intatto il suo innegabile fascino di stampo ottocentesco. Situata a poche decine di metri dalla strada Ozieri-Pattada, di fronte alla vecchia stazione ferroviaria di Vigne (sulla tratta dismessa di Chilivani-Tirso), vi si accedeva attraverso un caratteristico cancello che si affaccia direttamente sulla carreggiata, opera dell'”artista del ferro” ozierese Giacomo Antonino.

Praticamente invisibile dalle auto, è circondata da un’ampia tenuta in mezzo alla quale emergono alcuni particolari che ci riportano idealmente all’antico splendore, tra cui una vasca ornamentale quasi ai piedi della casa e una piccola fonte-abbeveratoio a pochi metri di distanza.

La struttura è quella di una lussuosa villa a due piani, di stile neoclassico, che la fa vagamente somigliare a un tempio greco. La facciata presenta infatti un portico colonnato ornato da fregi e decorazioni e sopra di esso vi è un piccolo terrazzo. L’interno è parzialmente murato e alcune stanze sono inagibili a causa del crollo del soffitto in legno, che tuttavia è ancora presente in una delle stanze e nel corridoio superiore che conduce al terrazzo. Ben pochi oggetti si sono conservati: una vecchia cucina, diverse bottiglie ancora sistemate in una cantina, una sedia e una cassa di vini della “cantina sociale del Mandrolisai”.

La “leggenda” della miniera di Su Elzu non è l’unica che aleggia su villa Pietri: a Ozieri si raccontano misteriosi aneddoti, storie di fantasmi non meglio precisati, di raduni promiscui finiti con ingloriose fughe a gambe levate in preda al terrore. Dal nostro punto di vista, l’unica presenza che abbiamo avvertito è quella, fastidiosa e infestante, dei rovi che hanno invaso stanze e corridoi una volta sfarzosi.

Ma ciò non toglie che l’inquietudine che trasmette sia ugualmente opprimente: non spettri o entità, quanto piuttosto la ben più concreta certezza del tempo che scorre, dell’impietosa decadenza, del fatto che tutto, anche il palazzo più lussuoso, è destinato a crollare.

Dove si trova: Da Ozieri percorrere la SS 128b in direzione di Pattada per circa 2 Km, fino a uno spiazzo sulla sinistra antistante la chiesetta di S.Stefano. Google Maps

Foto

Com’era

(foto tratte da  “Saluti da Ozieri” di Gianfranco Saturno, Il Torchietto Editore, 1993)

Altre ville abbandonate in Sardegna:

CONDIVIDI