Badde Suelzu (documentario, 2017)

In mezzo al nulla c’è qualcosa. Badde Suelzu è un puntino sulla mappa. Un puntino abitato da sette persone.

Sette abitanti residenti. Quasi tutti anziani, la maggior parte uomini, e nessun bambino. La strada per Badde Suelzu porta solo a Badde Suelzu. Si ferma dove si trova la piccola chiesa del villaggio, il punto più alto del paese. All’orizzonte le pale di quello che è uno dei più grandi parchi eolici d’Europa. In passato Badde Suelzu era un paese con oltre 70 abitanti. Ma oggi si avvia all’abbandono: alcuni abitanti sono morti, altri si sono spostati altrove. C’è chi è andato via per scelta o per necessità. Ma questi sette sono rimasti e sono decisi a rimanere fino alla fine. Com’è un paese abbandonato, poco prima di essere abbandonato? Come si aspetta la fine?

Badde Suelzu è la docu-serie di Sardegna Abbandonata, ovvero un documentario diviso in parti. Ogni episodio è autonomo. L’intera docu-serie può essere vista in ordine casuale oppure nell’ordine proposto da noi.

Qui di seguito le prime due puntate (le successive in ottobre):

Badde Suelzu – 1 – Salvatore

Badde Suelzu – 2 – Enrico

Per restare aggiornati e sapere quando escono le nuove puntate iscrivetevi alla nostra newsletter:

E seguite la pagina Facebook di Sardegna Abbandonata.


Ti piace Sardegna Abbandonata? Puoi sostenerci con una piccola donazione con Paypal:

Oppure, per altri modi di sostenerci, leggi qui.


Credits

Badde Suelzu è un documentario di Martino Pinna

Riprese: Alessandro Violi

Montaggio: Martino Pinna, Alessandro Violi

Hanno collaborato: Daniele Bertulu, Massimiliano Chessa, Gabriele Pinna, Simone Righini.

Un ringraziamento speciale alla popolazione di Badde Suelzu, in particolare a Eva e Francesco. 

Si ringraziano anche: Alice Lombardi, Gabriele Espis, Pablo De Leo, Sergio Erdas, Simone Contu, Federico Gandolfi, Kai Ortolani, Monja Bianco, Davide Lombardi, Sauro Sandroni.

Badde Suelzu è un documentario indipendente e autoprodotto, finanziato soprattutto grazie ai sostenitori del sito Sardegna Abbandonata e rilasciato sotto licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.5 Italia (CC BY-NC-ND 2.5 IT). Chiunque può riprodurre, distribuire, proiettare in pubblico e addirittura recitare il documentario, a patto che non ci sia uno scopo commerciale e che sia attribuita in maniera chiara la paternità dell’opera.

Per altre informazioni potete scriverci alla nostra mail.


Parlano di Badde Suelzu:


Un po’ di foto


Guarda anche Adiosu, il nostro primo documentario onirico, e gli altri video realizzati in questi anni. Ci sono anche maiali che corrono.